Una coppia di giovanissime stelle osservata dal radiotelescopio ALMA

Il sistema IRAS 04191+1523 (Immagine ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Lee et al., ESA/Herschel/PACS)
Il sistema IRAS 04191+1523 (Immagine ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Lee et al., ESA/Herschel/PACS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive uno studio del sistema IRAS 04191+1523, composto da due stelle neonate di piccola massa. Un team di astronomi guidato da Jeong-Eun Lee della Kyung Hee University, in Corea del Sud, ha utilizzato il radiotelescopio ALMA per capire come si formano coppie di piccole stelle. La scoperta che gli assi di rotazione delle stelle sono disallineati li ha portati a concludere che una turbolenza ha causato la frammentazione della nube di gas da cui sono nate.

Vari team di ricercatori negli ultimi anni hanno provato a scoprire i meccanismi di formazione di coppie di stelle dato che costituiscono il caso più comune. Pochissime settimane fa sono stati pubblicati i risultati di una di queste ricerche che riguardava stelle di piccola massa, paragonabili al Sole.

Anche altre ricerche hanno evidenziato che ci sono differenze a seconda che le stelle siano nate vicine o lontane. Nell’ottobre 2016 sono stati pubblicati i risultati di una ricerca basata sull’uso di ALMA e VLA per osservare il sistema chiamato L1448 IRS3B, dove un disco di polveri e gas si sta frammentando in un sistema stellare multiplo.

Ora un’altra ricerca si è concentrata sul sistema IRAS 04191+1523, composto da due stelle davvero piccole, con masse che sono solo un decimo di quella del Sole. La distanza tra le due stelle è circa 30 volte quella tra Nettuno e il Sole perciò si tratta decisamente di un caso di stelle lontane. La loro età è stimata a meno di mezzo milione di anni perciò da un punto di vista astronomico sono veramente giovanissime e rappresentano un eccellento obiettivo per una ricerca di questo tipo.

I ricercatori hanno utilizzato il radiotelescopio ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array), inaugurato nel marzo 2013, perché la sua elevata risoluzione lo ha reso adatto a ricavare immagini che mostrano la rotazione dei dischi di gas che circondano le due stelle del sistema IRAS 04191+1523. In particolare hanno analizzato il segnale dalle molecole di monossido di carbonio per capirne il moto e grazie a quelle immagini hanno potuto constatare che gli assi di rotazioni delle due stelle sono disallineati.

Si tratta di un sistema troppo giovane perché ci siano state interazioni con oggetti esterni abbastanza massicci da influenzare le due stelle senza essere visibili. La conclusione è che quel sistema è stato formato in quel modo da una frammentazione turbolenta di una nuvola di gas e polveri e non da una frammentazione del disco e una successiva migrazione. In quest’ultimo caso, il momento angolare del gas allineerebbe gli assi delle due stelle.

Grazie a strumenti molto potenti come ALMA, negli ultimi anni i ricercatori stanno facendo notevoli passi avanti nella comprensione dei meccanismi di formazione stellare. Sistemi giovanissimi come IRAS 04191+1523 possono essere studiati in dettagli impensabili fino a pochi anni fa permettendo agli astronomi di studiare questi eventi cosmici e di migliorare notevolmente i modelli esistenti.

Rappresentazione artistica del sistema IRAS 04191+1523 (Immagine ALMA (ESO/NAOJ/NRAO))
Rappresentazione artistica del sistema IRAS 04191+1523 (Immagine ALMA (ESO/NAOJ/NRAO))

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *