La missione Cassini-Huygens è terminata con la disintegrazione della sonda spaziale Cassini nell’atmosfera di Saturno

Le ultime foto degli anelli di Saturno scattate dalla sonda spaziale Cassini (Immagine NASA/JPL)
Le ultime foto degli anelli di Saturno scattate dalla sonda spaziale Cassini (Immagine NASA/JPL)

La NASA ha confermato di aver perso i contatti con la sonda spaziale Cassini, che fino all’ultimo stava inviando informazioni mentre scendeva nell’atmosfera del pianeta Saturno e andava verso la sua distruzione. È la fine della missione Cassini-Huygens, una collaborazione tra NASA, ESA e ASI (Agenzia Spaziale Italiana), una delle più straordinarie missioni spaziali della storia.

La nascita della missione Cassini-Huygens fu il frutto di una collaborazione che iniziò tra la Fondazione Europea delle Scienze e l’Accademia Americana delle Scienze nel 1982, nel periodo delle grandi missioni di esplorazione del sistema solare. Nello stadio iniziale venne proposto di inviare nel sistema di Saturno una sonda spaziale che studiasse il pianeta, i suoi anelli e le sue lune, in particolare Titano, assieme a un lander che atterrasse su quella luna, già considerata molto interessante.

Il progetto venne sviluppato da NASA ed ESA con alcuni contributi dell’ASI nel corso degli anni ’80 ma a un certo punto rischiò di arenarsi a causa dei tagli di budget decisi dal Congresso americano. Tuttavia, la collaborazione americana-europea aveva anche un valore politico e alla fine la missione ricevette i fondi necessari. Ci furono anche problemi con alcuni gruppi ambientalisti che si opponevano alla costruzione di sonde alimentate da materiali radioattivi, in questo caso plutonio 238, per il rischio di contaminazione in caso di un lancio fallito ma i preparativi continuarono regolarmente.

Il 15 ottobre 1997 la sonda spaziale Cassini e il lander Huygens vennero lanciati su un razzo vettore Titan IV-B/Centaur da Cape Canaveral. La sonda spaziale prende il nome dall’astronomo italiano Giovanni Domenico Cassini, il lander dall’astronomo olandese Christiaan Huygens, due pionieri degli studi del pianeta Saturno.

Il 1 luglio 2004 Cassini diventò la prima sonda spaziale a entrare nell’orbita di Saturno. Il 25 dicembre 2004 il lander Huygens si separò da Cassini per cominciare la serie di manovre che il 14 gennaio 2005 gli permisero di atterrare su Titano, dove continuò a inviare dati per altri 90 minuti.

Per oltre 13 anni la sonda spaziale Cassini ha navigato tra le lune di Saturno studiandole assieme al pianeta e ai suoi anelli. Già nel 2005 i primi voli ravvicinati alla luna Encelado restituirono rilevazioni che alla fine portarono a una scoperta storica. La scoperta di geyser nella regione del polo sud e successive rilevazioni di altre caratteristiche di Encelado convinsero gli scienzati che quella luna aveva un oceano sotterraneo che oggi è considerato uno dei principali candidati a ospitare forme di vita al di fuori della Terra.

Le tante scoperte effettuate fin dai primi anni portò a due estensioni della missione Cassini nel 2008, chiamata Cassini Equinox, e soprattutto nel 2010, chiamata Cassini Solstice. Ciò ha permesso di ottenere molte altre informazioni su Saturno, sui suoi anelli e sulle sue lune, in particolare Encelado e Titano.

Recentemente sono stati pubblicati vari elenchi delle scoperte più importanti fatte grazie ai dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini ma è difficile stabilire quali siano più importanti. Certo, Encelado è finita al centro di moltissima attenzione ma molte scoperte devono ancora essere valutate pienamente.

Sapendo che il propellente cominciava a scarseggiare, la NASA ha programmato il gran finale della missione inviando la sonda spaziale Cassini nel vuoto tra Saturno e i suoi anelli a partire dalla fine di aprile 2017. Oggi Cassini è entrata nell’atmosfera di Saturno per disintegrarsi, una decisione presa per evitare rischi di contaminazione.

Dopo 20 anni nello spazio qualsiasi microrganismo attaccato a Cassini dovrebbe essere morto ma nella remota possibilità che qualcuno sia sopravvissuto la NASA ha preferito non rischiare di contaminare Titano o Encelado lasciando Cassini in balìa della forza di gravità. Vari strumenti sono rimasti accesi fino alla fine per raccogliere altri dati sull’atmosfera di Saturno.

Quasi 4.000 articoli scientifici basati su dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini e dal lander Huygens sono già stati pubblicati ma in questi casi gli studi continuano per molti anni ancora. È il caso in cui davvero ci vorrebbe un’enciclopedia per includere tutte le informazioni raccolte in questa straordinaria missione.

La sonda spaziale Cassini durante la preparazione (Foto NASA/JPL)
La sonda spaziale Cassini durante la preparazione (Foto NASA/JPL)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *