L’asteroide interstellare ‘Oumuamua ha uno strato superficiale che potrebbe nascondere ghiaccio

L’asteroide interstellare ‘Oumuamua visto dal William Herschel Telescope a La Palma (Immagine cortesia A. Fitzsimmons, QUB/Isaac Newton Group, La Palma)
L’asteroide interstellare ‘Oumuamua visto dal William Herschel Telescope a La Palma (Immagine cortesia A. Fitzsimmons, QUB/Isaac Newton Group, La Palma)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive i risultati di un’analisi spettroscopica e di una modellazione termica dell’asteroide interstellare 1I/2017 U1 ‘Oumuamua. Un team di astronomi guidato dal Professor Alan Fitzsimmons e dalla dottoressa Michele Bannister della Scuola di matematica e fisica della Queen’s University Belfast ha concluso che, causa dell’esposizione ai raggi cosmici, sull’asteroide è avvenuta una stratificazione superficiale di materiali organici e isolante e potrebbe contenere ghiaccio.

La scoperta dell’asteroide successivamente classificato formalmente come 1I/2017 U1 e chiamato ‘Oumuamua ha suscitato un notevole interesse tra gli astronomi perché sembra proprio provenire da un altro sistema solare. Ciò ha scatenato la fantasia del pubblico, in particolare dopo l’annuncio dell’iniziativa Breakthrough Listen del tentativo di verificare se si tratti di un’astronave. Finora nessun segnale radio proveniente da ‘Oumuamua è stato captato e tutto fa supporre che si tratti di un oggetto naturale con una forma strana.

Molti astronomi hanno provato a esaminare ‘Oumuamua con gli strumenti a loro disposizione per cercare di carpire qualche segreto a un oggetto che potrebbe essersi formato a parecchi anni luce di distanza. Le varie osservazioni non hanno mostrato alcuna attività di tipo cometario, con emissioni di gas originati da ghiaccio sublimato nel passaggio nell’area interna del sistema solare ma ciò è sufficiente per identificare ‘Oumuamua come asteroide composto solo di roccia?

Questa ricerca ha sfruttato i dati raccolti nelle settimane dopo la scoperta di ‘Oumuamua effettuando rilevazioni con vari telescopi. Analisi spettrografiche effettuate con strumenti come X-shooter, montato sul Very Large Telescope (VLT) dell’ESO, hanno permesso di cercare di capire la composizione dell’asteroide per capire se contenga ghiaccio e ottenere indizi sulla sua composizione in generale.

Il risultato è che ‘Oumuamua riflette la luce solare in modo simile a oggetti ghiacciati coperti da una crosta secca, che nel caso di quest’asteroide ha uno spessore stimato in circa mezzo metro. L’esistenza di una superficie di quel tipo è tipica di oggetti esposti all’azione di raggi cosmici per tempi molto lunghi e quest’asteroide ha probabilmente viaggiato nello spazio interstellare per qualche miliardo di anni.

I raggi cosmici carichi di energia possono causare reazioni chimiche sulla superficie di un oggetto del genere con la conseguente creazione di uno strato ricco di materiali organici e isolante. Anche vari oggetti che si sono formati nell’area esterna del sistema solare mostrano caratteristiche di quel tipo. Un oggetto del genere, anche se fosse ricco di ghiaccio sotto la superficie, non potrebbe comportarsi come una cometa quando si avvicina al Sole perché lo strato isolante impedirebbe al ghiaccio di essere esposto e sublimare.

La dottoressa Michele Bannister ha spiegato che secondo lei e i suoi colleghi ‘Oumuamua è un planetesimo, cioè un oggetto del tipo che nelle giuste condizioni può crescere nel tempo, con una superficie grigiastra/rossa e molto allungato. Le similitudini con certi asteroidi che si sono formati nel sistema solare suggerisce che i meccanismi di formazione degli asteroidi e forse anche dei pianeti sia simile in diversi sistemi solari.

L’asteroide interstellare ‘Oumuamua è molto interessante ma continua ad allontanarsi dalla Terra nella sua rotta che lo porterà fuori dal sistema solare. Per questo motivo sta diventando sempre più difficile studiarlo e i ricercatori devono affrettarsi a esaminarlo con più strumenti possibile per cercare di scoprire qualcosa di nuovo su di esso.

Rappresentazione artistica di 'Oumuamua (Immagine ESO/M. Kornmesser)
Rappresentazione artistica di ‘Oumuamua (Immagine ESO/M. Kornmesser)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *